martedì 3 febbraio 2015

Blogtour: Il primo bacio a Parigi di Stephanie Perkins - Intervista all'autrice

Blogtour
  

 Il primo bacio a Parigi di Stephanie Perkins - Intervista all'autrice
 
Oggi siamo qui per presentarvi in modo speciale il libro d'esordio di Stephanie Perkins, Il primo bacio a Parigi,  tramite delle tappe ad hoc che vi racconteranno in modo speciale degli aspetti del fantastico romanzo.

Partiamo con la prima tappa: Intervista all'autrice!
 
 
 


  • How did you come up with the concept and the characters for the story? Come sei arrivata a ideare il soggetto e i personaggi della storia?
The idea arrived in a dream. I saw a beautiful boy sitting on the steps of the Panthéon, and I knew I was deeply in love with him. When I woke up, I wrote down everything I’d learned about Étienne St. Clair. He was unusual — his name was French, his accent was English, and he was attending an American boarding school in Paris. What was his story? My novel grew organically from what I knew about him. Anna was much harder to figure out!

L'idea mi è arrivata attraverso un sogno. Ho visto un bellissimo ragazzo seduto sugli scalini del Pantheon, e sapevo già che ero innamorata profondamente di lui. Quando mi sono svegliata, ho scritto tutto quello che sapevo di Étienne St. Clair. Che era insolito – il suo nome era Francese, il suo accento era Inglese, e stava frequentando un college americano a Parigi. Qual era la sua storia? Il mio romanzo ha preso forma organicamente da quello che sapevo su di lui. Anna è stata più difficile da inquadrare.


  • What were the challenges of setting your book in another country? Quali sono state le difficoltà di ambientare il tuo libro in un altro paese?
The challenges were huge. It was never my intention to set a book in France, so when I had the idea, I was terrified. I'm an Anglophile, and France made me nervous. I’d never studied the language, and there are so many stereotypes that immediately spring to mind—the French are beautiful, they’re better dressed, they have better food, they’re rude, they hate Americans. Intimidating, right?

Le sfide erano giganti. Non è era mia intenzione ambientare il libro in Francia, così quando mi è venuta l'idea ero spaventata. Sono un'anglofona, e la Francia mi rende nervosa, non ho mai studiato la lingua, e ci sono così tanti stereotipi che immediatamente si affacciano alla mente – i francesi sono bellissimi, sono meglio vestiti, hanno il cibo più buono, sono maleducati, odiano gli americani. Terrificante vero?


Did you or did you not…go to an American boarding school in Paris? Sei o non sei stata in un college americano a Parigi?
No.

Live in Paris for much of your life? Sei vissuta a Parigi per la maggior parte della tua vita?
No.

Study abroad as an exchange student? Hai studiato all'estero come Exchange Student?
No.

Live in England? Hai vissuto in Inghilterra?
God, I wish. Dio, mi piacerebbe.

Live with an Englishperson? Hai vissuto con una persona Inglese?
See above. Guarda sopra.

  • If not, explain then, how you managed to WRITE THAT BOOK. Se la risposta è no, come sei riuscita a scrivere quel libro?
One word: research.
More words: The English part was easy, because I’m a longtime Anglophile. A lot can be absorbed by regular viewings of British programming.
The French part was challenging. I didn’t have the money to travel, so for several years, I read every book about France that I could get my hands on, listened to French music, watched French films, ate French food, took a French language class, etc. I’ve since spent a month in Paris, but it was after ANNA was already in edits. I was so relieved to discover that my extensive research had paid off. Paris was everything I’d expected and hoped it to be. In other words, hurrah for research! And hurrah for Paris!

Una parola: ricerca.
Più parole: la parte Inglese era semplice, perché sono Anglofona da tanto tempo. Molto si può assorbire vedendo regolarmente i programmi Inglesi.
La parte Francese è stata più difficile. Non avevo i soldi per viaggiare, così per molti anni ho letto tutti i libri sulla Francia su cui potevo posare le mie mani, ascoltavo musica francese, visto film francesi, mangiato cibo francese, frequentato una classe di lingua francese, ecc. Ho trascorso un mese a Parigi, ma è stato quando ANNA era in fase di editing. Sono stata molto contenta nello scoprire che la mia ricerca è stata ripagata. Parigi è stata quello che speravo potesse essere. In altre parole, hurrah per la ricerca! E hurrah per Parigi!


  • What's your favorite scene in ANNA? What scene was the hardest to write? Qual è la tua scena preferita in ANNA? Qual è stata a scena più difficile da scrivere?
There were many scenes that were a joy to write. I was fortunate with this novel. (Not so much with my second novel, har har.) My favorite was probably a kissing scene, because I got to *live* it! The hardest bit was the day I had to research something awful that happens during the book. I don't want to spoil it, but for anyone who has already read ANNA, it's the medical issue. The information I needed was the absolute last thing I researched, and I ripped it off like a Band-Aid in one horrible, sad day.

Molte scene sono stati divertenti da scrivere. Sono stata fortunata con questo romanzo. La mia scena preferita probabilmente è una scena con un bacio, perché ho avuto la possibilità di viverla! La parte più difficile è stato il giorno in cui ho dovuto ricercare qualcosa di terribile che accade nel libro. Non voglio rovinare la sorpresa, ma per chi non ha ancora letto ANNA si tratta di un problema medico. Le informazioni di cui avevo bisogno sono in assoluto l'ultima cosa sui cui ho fatto ricerche e l'ho fatto emergere nel libro come se fosse lo strappo di un cerotto, tutto accade in un orribile giorno triste.


  • What parts of ANNA are based on real life? Quali parti di ANNA sono basate su fatti reali?

Everything and nothing. I've never been to boarding school, I've never fallen in (real) love with multicultural boy, and my family situation is very different from Anna's, but every character and every scene (even the yuckier ones) have some aspect of myself in them. In other words, there were so many variables that were NOT me, that I created small places and situations that I could relate to everywhere else, so as to make the story believable, to ground it in some kind of reality that I could grasp onto.

Tutto e niente. Non sono mai stata in una scuola all'estero, non mi sono mai innamorata (davvero) di ragazzi multicultura, e la mia situazione familiare è molto diversa da quella di Anna, ma ogni personaggio e ogni scena (anche le più disgustose) hanno in loro aspetti di me stessa. In altre parole, ci sono molto variabili che non sono mi appartengono, ho creato piccoli posti e situazioni che potevo collegare a qualunque parte, per rendere la storia credibile, per posizionarla in qualche tipo di realtà alla quale aggrapparmi.


  • Anna and Étienne have a very grown-up type emotional bond. Do you think it’s unrealistic to portray teenagers have such a mature relationship? Anna ed Etienne hanno un legame emotivo da adulti. Pensi che sia irrealistico descrivere dei ragazzi con una relazione così matura?
Definitely not. And here’s the obligatory personal anecdote: I was Anna’s age when I met my husband. We had a very natural, very easy, but very serious courtship. I was married as a teenager. I realize that our relationship is unusual—and I definitely don’t believe that most high school loves are True Loves—but, yes, absolutely it can happen.
Responsible, mature teens often have responsible, mature relationships. And whether the relationship lasts or not, those emotions, those bonds are as powerful and real as anything forged between adults.

Non credo. E qui arriva l'aneddoto personale: avevo l'età di Anna quando ho incontrato mio marito. Abbiamo avuto una fase di corteggiamento molto naturle, molto semplice ma anche molto seria. Mi sono sposa da ragazza. Capisco che la nostra relazione è inusuale – e non credo proprio che la maggior parte degli amori scolastici sia il vero amore – ma sì, può certamente accadere.
Ragazzi maturi e responsbili hanno spesso relazioni mature e responsabili. E benché la relaziona duri o meno, quelle emozioni, quei legami sono forti e reali quanto qualsiasi legame formato tra gli adulti.


  • How tall is Étienne exactly? Why did you choose to make him short? Quanto è alto Etienne esattamente? Perché hai deciso di renderlo basso?
Now it’s my turn to be evil. You’ll learn his height in A FUTURE BOOK!!! I made him short, because . . . I just knew that he was. It was never a question.
And I love the idea of a hero who isn’t embarrassed or held back by his short stature. Someone who still has an incredible amount of confidence and charisma, someone who is loved by people who don’t judge him for it either. Height is a silly thing to get judgmental about. It’s not like anyone can help it.

Questo è il mio turno di essere cattiva, scoprirete la sua altezza in uno dei libri futuri. L'ho reso basso perché... perché sapevo che era così. Non è mai stato un dilemma.
Amo l'idea di un eroe che non è imbarazzato o bloccato della sua piccola statura. Qualcuno che ha una così grande quantità di confidenza e carisma, qualcuno che è amato da persone che non lo giudicano per la sua altezza. L'altezza è una cosa sciocca sulla quale essere critici. Non è una cosa che si può controlllare.


  • What did you learn about yourself through your characters? Cosa hai imparato su te stessa attraverso i tuoi personaggi?
Despite the setting, I knew relatively nothing about France or the French when I began. I was VERY intimidated, so I wrote it the only way I could — from the perspective of someone who was also intimidated by Paris! As Anna needed to learn something, I learned it. And as Anna became braver, I became braver, too. Together we discovered that stepping outside of our comfort zone is a GOOD thing. (We also learned that France is awesome.)

Nonostante l'ambientazione, non sapevo quasi nulla della Francia o dei francesi quando ho iniziato. Ero molto spaventata, così ho scritto nell'unico modo in cui potevo – dalla prospettiva di qualcuno che a sua volta era spaventato da Parigi! Quando Anna doveva imparare qualcosa, io l'imparavo! Quando Anna diventava più coraggiosa, sono diventata più coraggiosa anche io. Insieme abbiamo scoperto che uscire dalla nostra bolla di sapone è una cosa buona. (Abbiamo anche imparato che la Francia è stupenda).


  • You mention crepes a lot in the book. And macarons. Can you describe a macaron? Also, what do you have against crème brulée!? Why did you not mention it at all in ANNA? Menzioni le crepes molte volte nel libro. E anche i macarons. uoi descriverci un macaron? In più, cosa hai contro le crème brulée? Perché non la menzioni mai in ANNA?
My favorite local eatery is a French restaurant called Bouchon, and my favorite dish is Chef Michel’s quadruple mini-crème brulées—it changes with the season, but it’ll be a sampler of something like: lavender, rosemary, chocolate orange, and espresso. So definitely no hard feelings against the glorious crème brulée!

Il mio locale preferito è un ristorante francese chiamato Bouchon, e il mio piatto preferito è la quadrupla mini-crème brulées dello chef Michel – cambia per ogni stagione, ma ha il sapore di qualcosa come: la lavanda, rosmarino, cioccolato all'arancia, e caffè. Per conclude non ho nessun sentimento d'odio verso la crème brulée!

But . . . macarons. Macarons are special. In America, we think of those bleh coconut thingies, but in France, they’re these GORGEOUS sandwiches cookies made with eggshell-fragile crusts and melt-in-your-mouth fillings. They have these beautiful, bright colors, and they’re so cheerful to look at! And the flavors: Blackcurrant! Rose! Passion fruit! My favorite is fleur d’oranger, orange flower. It tastes like the sun.

Ma i macarons. I Macarons sono speciali. In America, pensiamo a queste cosine al cocco, ma in Francia, ci sono questi sandwiches di biscotto fatti di una crosta croccande e delicata che si sciolgono in bocca. Hanno questi colori bellissimi e luminosi, e sono così divertenti da guardare! E i gusti: ribes, rosa, frutto della passione! Il mio preferito è fleur d'oranger, fiore d'arancia. Ha il sapore del sole.


  • San Francisco vs. Paris: The victor? San Francisco vs. Parigi: Il vincitore?
Oh, man! Such an evil question. I love them both and for very different reasons. I suppose, under a gun, I’d pick San Francisco. My husband courted me there, so it’ll always be romantic to me.

Oh, mamma mia! È una domanda cattiva. Le amo entrambe per raggioni molto diverse. Credo, sotto minaccia, che sceglierei San Francisco. Mio marito mi ha corteggiato lì, per questo sarà per sempre molto romantica per me.


  • Can you share your experiences finding a publisher? What was the process like? Puoi raccontarci la tua esperienza nel trovare un editore?Qual è stato il processo?
You know, I was fortunate here. I have a wonderful agent, Kate Schafer Testerman, and we worked hard to get my manuscript in fighting shape before sending it out. She sent it to two editors. They were both interested, and they both made an offer. I accepted with Julie Strauss-Gabel at Dutton, because . . . well, there’s no editor in the world I’d rather work with. I was lucky, indeed!

Sai, sono stata fortunata. Ho una meravigliosa agente, Kate Schafer Testerman, e abbiamo lavorato duro per rendere il manoscritto in una forma perfetta prima di spedirlo. Lei lo ha mandato a due editori. Erano entrambi interessati, ed entrambi fecero un'offerta. Ho accettato quella di Julie Strauss-Gabel alla Dutton, perché...non c'è altro editore nel mondo con cui lavorerei. Sono stata fortunata, molto.


  • How different is your finished manuscript from what you originally submitted? Did you have to change a lot? Quanto è diverso il manoscritto finito da quello originale? Hai dovuto cambiare molte cose?
Yes and no. I’ve spent years revising this novel, and it’s been exhilarating and maddening and heartbreaking.
But I believe the goal of editing is to make a story more like what it is trying to be. If that makes sense. So the heart of the novel has never changed. My editor and I worked hard to make it a better version of what it already was. But this took a LOT of work, over MANY months, and Anna lost twenty thousand words in the process!

Si e no. Ho trascorso anni rivisitando il romanzo, ed è stato esilarante e infuriante e straziante.
Ma credo che lo scopo dell'editare sia di rendere la storia molto più simile a cosa è. Sempre che questo abbia senso. Il cuore della storia non è mai cambiato. Io e il mio editore abbiamo lavorato duro per rendere il romanzo una versione migliore di quello che già era. Ma questo è costato molto lavoro, di molti mesi, e Anna ha perso circa 20.00 parole nel processo!


  • Who was your biggest supporter while you were working on the book? Chi è stato il tuo più grande sostenitore mentre lavoravi al libro?
Oh my stars. I’m lucky to have an entire arsenal of supporters. It feels cruel not to mention them all! But the biggest is my husband Jarrod. This book would not have been written without his encouragement, support, enthusiasm, and love. He also fed me, when I was too exhausted to do it myself. Which was pretty much every day. Food is good.

Oh stelle mie! Sono stata fortunata nel avere nel mio arsenale molti sostenitori. Mi sento cattiva nel non citarli tutti! Ma il più grande è mio marito Jarrod. Questo libro non sarebbe mai stato scritto senza il suo incoraggiamento, supporto, entusiasmo, e amore. Lui mi ha anche sfamato, quando ero troppo esausta nel farlo da sola. Il che è accaduto quasi ogni giorno. Il cibo è buono.


  • What are some books that inspired you to write your own? Quali sono alcuni dei libri che ti hanno ispirato a scrivere il tuo?
This is a tough question, because I love just about everything. But three authors have most influenced my current career path: Meg Cabot, John Green, and Maureen Johnson. Meg taught me that funny books with cute boys could still contain powerful messages of feminism. John taught me that a hilarious, page-turning novel could carry incredible emotional depth and intelligence. And Maureen, well, I feel like she’s a lovely blend of all of that, something I strive to be. I will read anything these three authors write.

Questa è una domanda difficile, perché amo quasi tutto. Ma tre autori hanno influenzato maggiormente il mio percorso: Meg Cabot, John Green e Maureen Johnson. Meg mi ha insegnato che libri divertenti con ragazzi carini potevano anche contenere dei messaggi importanti di femminismo. John mi ha insegnato che un romanzo esilarante e da cui non riesci a staccarti può contenere un incredibile profondità emotiva e intelligenza. E Maureen credo sia un delizioso insieme di queste caratteristiche, qualcosa che aspiro a diventare. Leggerei tutto quello che scriverebbero questi autori.

 
  • Can you tell us a little bit about your next book in the series, Lola and the Boy Next Door? Puoi dirci qualcosina sul tuo prossimo libro della serie, Lola and the Boy Next Door?
It's a companion novel to ANNA, which means that though it has some character overlap, the story is firmly Lola's and can be read on its own. It takes place in America.

È un romanzo companion di ANNA, il che significa la sovrapposizione di alcuni personaggi, la storia è fermamente quella di Lola e può essere letta singolarmente. È ambientata in America.


Intervista davvero interessante! Devo ammette che alcune nozioni riguardo il libro l'ho scoperte solo attraverso le domande e le relative risposte.
Non mi resta che consigliarvi la lettura di Anna,  Il primo bacio a Parigi uno dei migliori contemporary romance YA di sempre.



Blogtour & Giveaway
Le tappe previste son ben 4 e ognuna vi aiuterà ad entrare meglio nella storia di Stephanie Perkins e a conoscere i suoi meravigliosi personaggi, in più potrete provare a vincere una copia del libro messa a disposizione dalla DeAgostini.

 
Banner

 

 
Calendario Blogtour:
3 Febbraio: Intervista all'autrice - Bookish Advisor
4 Febbraio: Approfondimento sui luoghi del libro - Wakls With Gio
5 Febbraio: Approfondimento sui due protagonisti - Coffee&Books
6 Febbraio: Approfondimento sui dolci francesi - Please Another Book

Regole di partecipazione (Obbligatorie)
- Seguire come lettori fissi tutti i Blog che organizzano il Blogtour;
- Compilare il form sottostante

Regole opzionali
- Commentare tutte le tappe;
- Condividere il banner sui vostri siti/blog
- Condividere il link dell'iniziativa sui vari social (Facebook, Twitter, ect.)


a Rafflecopter giveaway


Il GA terminerà il 14 Febbraio, il giorno dopo sarà estratto i vincitore.


- A presto Susi

 

56 commenti:

  1. Bellissima questa intervista! Mi piace questa autrice, è incredibile le sfide che ha dovuto affrontare per scrivere un libro ambientato totalmente in un altro paese.
    E poi è così romantico che abbia creato il personaggio di Étienne St. Clair per via di un sogno ^^

    RispondiElimina
  2. Mi sono divertita da pazzi a leggere questa intervista, la Perkins è molto simpatica e le tue domande Susi sono stat enon solo irriverenti e simpatiche ma anche molto approfondite. Sono curiosa davvero di leggere il libro! *_*

    RispondiElimina
  3. Bellissima recensione** mi è piaciuto leggerla e capire l'autrice di questo libro tanto acclamato! Sono sempre più curiosa di leggerlo *o*

    RispondiElimina
  4. Ho già letto in inglese i libri della trilogia, ma sono curiosissima di leggerli anche in italiano :3
    La Perkins ha scritto alcuni dei migliori YA che io abbia mai letto e scoprire di più su di lei e su Anna in questa intervista è stato molto interessante!
    Ad essere sincera pensavo che per descrivere così bene l'esperienza della sua protagonista a Parigi lei conoscesse bene la città e ci avesse vissuto, è davvero sensazionale come abbia saputo rendere bene i luoghi, le persone, il cibo pur senza conoscerli bene come pensavo.
    E poi vogliamo parlare di Etienne? Da un suo sogno è diventato il ragazzo dei sogni di migliaia di lettrici nel mondo!

    RispondiElimina
  5. avevo letto la trama di questo libro tanto tempo fa e speravo che lo pubblicassero in italia ora ne sono felicissima!!! è bello capire come nasce un libro e l'evoluzione che ci sta dietro.

    RispondiElimina
  6. Ciao!
    Ho già letto i tre libri della serie in inglese, ma aspettavo con impazienza che arrivasse anche in Italia!
    Etienne è il ragazzo dei sogni per tutte noi lettrici!!
    * incrocia le dita e spera di vincere *

    RispondiElimina
  7. molto divertenti le domande e a sentir parlare di dolci mi è venuta fame :D
    marialice pompilii

    RispondiElimina
  8. molto carina l'intervista, domande e risposte simpatiche e divertenti, davvero ben fatta! :)

    RispondiElimina
  9. Molto interessante quest'intervista, mi ha incuriosita!!!

    RispondiElimina
  10. molto interessante questa intervista, mi incuriosiva proprio questo libro

    RispondiElimina
  11. Complimenti per l'intervista, molto interessante! Attendevo questo libro da tantissimo, sono felice che sia arrivato anche in Italia. Non vedo l'ora di leggerlo. :)

    RispondiElimina
  12. Bella intervista! Molto interessante ^_^. Questo libro mi attira tantissimo

    RispondiElimina
  13. Adoro le tue interviste! Le leggo anche se non conosco l'autore o il libro di cui si parla, mi rilassano :)

    RispondiElimina
  14. Le interviste sono la mia passione! Davvero bella questa alla Perkins <3 E' un'autrice molto speciale...

    RispondiElimina
  15. Che intervista interessante Susi! Davvero davvero *_* come si può non amare questa donna e questo libro? *_* sono felice di partecipare attivamente a questo blogtour!

    RispondiElimina
  16. bellissima intervista e molto dettagliata! certo scrivere di un luogo reale senza mai esserci stati deve essere difficile! Mi incuriosisce il fatto che Etienne sia basso, siamo sempre abituati a boy alti! Voglio leggerlo!

    RispondiElimina
  17. bella intervista, sembra una donna molto interessante ed eclettica, non ho mai letto i suoi libri ma mi ispira molto la trama di questo, poi adoro sia Parigi che San Francisco, ci sono stata in viaggio di nozze in quest'ultima ed è una città bellissima

    RispondiElimina
  18. Ho messo gli occhi su questo libro quando era semplicemente Anna and the French kiss, cioè prima che decidessero di pubblicarlo anche in Italia. E già allora mi era stato caldamente consigliato. Mi è difficile restare indifferente al vostro entusiasmo e seguirò con piacere il blogtour.
    Dopo aver letto l'intervista alla Perkins sono curiosa di conoscere meglio i personaggi, soprattutto Anna, dato che per lei non è intervenuto nessun sogno suggeritore ;)

    RispondiElimina
  19. l'intervista è ben fatta, ti seguivo da tempo su fb ma qui sul blog no

    RispondiElimina
  20. Bellissima questa intervista e grazie infinite dell'opportunità XD

    RispondiElimina
  21. Bella intervista complimenti!

    RispondiElimina
  22. Complimenti Susi, è stata una delle interviste più piacevoli che abbia letto! Le tue domande sono state divertenti e interessanti e la Perkins ha risposto in maniera adorabile!! Ora ho una tremenda voglia di assaggiare i macarons al fiore d'arancia *_*

    Seguo le recensioni di questo libro fin da quando era ancora inedito in Italia e mi incuriosiva molto, ora ancor di più perché l'autrice mi ha ulteriormente conquistata!!

    RispondiElimina
  23. Brava Susi!!!! Avevo in mente di comprarmi anche la copia italiana e così tu mi togli ogni dubbio! Ti lovvo <3
    Ma che dolce la Stephanie....io ho letto Anna proprio a Parigi e non avrei mai detto che non ci fosse mai stata!
    Ottimo lavoro cara ;)

    RispondiElimina
  24. Bellissima intervista! Come tutte quelle che fai del resto!! :) Lo volevo leggere da tanto questo libro ma dato che non leggo in lingua stavo aspettando l'uscita italiana... :)

    RispondiElimina
  25. ma che bela intervista Susi! e massima stima per la Perkins che lavora per anni (plurale) al suo manoscritto per renderlo più vicino a ciò che la storia tenta di essere! Il mio primo bacio ( a una donna) lo vorrei dare a lei ;)

    RispondiElimina
  26. Da quando è uscito il libro in inglese già l'amavo ma allora ahimè non leggevo ancora in lingua. Intervista molto approfondita che darà l'opportunità di leggere tra le righe episodi dell'autrice.

    RispondiElimina
  27. partecipo con piacere!!
    intervista molto interessante e per nulla pesnate da leggere
    Facebook /G+ Rosanna Barbara
    GFC kittyro111
    email kittyro111@gmail.com

    RispondiElimina
  28. Bellissima intervista! Ho letto Anna and the french kiss in inglese e l'ho talmente adorato da volerlo rileggere in italiano :3 E' un libro bellissimo, uno dei migliori letti nel 2014

    RispondiElimina
  29. partecipo e condivido! dev'essere interessante......
    sono nuova sul blog. sul FB : Franci Fra emai: francescaperagine86@gmail.com

    RispondiElimina
  30. Intervista davvero magnifica! Leggere questa intervista è stato molto piacevole e poi le domande sono davvero magnifiche!
    La Perkins è davvero dolcissima e adorabile nelle sue risposte!

    RispondiElimina
  31. Son stata tentata di leggere questo libro per mesi, quando mi rimbalzava giornalmente sotto il naso su goodreads Credo sia arrivato il momento! <3
    Complimenti per l'intervista, Susi! La Perkins poi è stata davvero divertente e carina nelle risposte!
    (L'email l'ho inserita nel form)

    RispondiElimina
  32. Sembra davvero molto simpatica e mi ha incuriosita a leggere il libro! :) Partecipo!!!

    RispondiElimina
  33. Ciao!!! Che dire.....l'intervista è veramente carina e sto adorando la Perkins! Avevo già letto recensioni più che positive su questo romanzo quando ancora non era stato pubblicato in Italia, ora voglio assolutamente leggerlo! :D
    Sono veramente curiosa!!! ^.^

    RispondiElimina
  34. Che intervista stupenda! L'autrice sembra molto simpatica xD

    RispondiElimina
  35. Leggere questa intervista mi ha fatto venir ancora più voglia di leggere il libro!
    Stephanie Perkins sembra molto simpatica, e anche le domande che hai fatto sono molto interessanti! :)

    RispondiElimina
  36. Fantastica intervista!! Devo dire che mi ha convinta ancora di più ad acquistare il libro! Ne parlano tutti benissimo e se lo fanno un motivo c'è! Poi è ambientato a Parigi ed io amo questa città, quindi un motivo in più per prenderlo! :3

    RispondiElimina
  37. Bellissima questa iniziativa!! Il primo bacio a Parigi è forse il libro che più attendo di questo 2015! Ne ho sentito parlare per così tanto tempo che non vedo l'ora di leggerlo nonostante non sia il genere chiedi solito prediligo. Questa interventista mette una curiosità assurda! Adesso non vedo l'ora di incontrare questi personaggi che sembrano davvero molto particolari! E sinceramente ho anche un po' paura per il problema di salute che cita l'autrice D:

    RispondiElimina
  38. Bellissima intervista =) Di questo libro ho letto pareri positivi quando ancora non era prevista la pubblicazione italiana. In quel periodo ero curiosissima di poterlo leggere(e arrabbiata per non essere capace di leggere in lingua XD). La mia curiosità su questo libro sta raggiungendo picchi impensabili. Grazie per l'intervista.

    RispondiElimina
  39. Bhe, sono arrivata in ritardo, ma ci sono anch'io! Ho già compilato il form e quindi eccomi qui!! (Vi ricordo che vi seguo tutte col nome Heroine)
    Conoscevo questo libro in lingua, ma non l'ho mai letto perché mi riprometto sempre di leggere in lingua originale e poi invece non lo faccio mai. Un pò per mancanza di voglia, un pò perché leggere in italiano è così semplice e lo preferisco!
    Grazie al tuo post sono ancora più curiosa di leggere 'Il primo bacio a Parigi'!
    Spero di aver forutuna!
    caldarmail@gmail.com

    RispondiElimina
  40. una fantastica intervista, posso dire che questo libro merita assolutamente di essere letto e io non vedo l'ora :)

    RispondiElimina
  41. Bellissima intervista,molto interessante!Mi piace scoprire le curiosità su un libro che vorrei leggere.

    RispondiElimina
  42. veramente divertente da leggere! una persona sveglia e brillante.

    RispondiElimina
  43. Mia adorata Susi collaborare con te si è rivelata un'esperienza incredibile, che in un certo qual senso mi ha aperto gli occhi su tante cose. Sono felicissima di conoscerti. Il tuo lavoro sul blog è sempre accuratissimo e speciale e l'intervista alla Perkins piena di curiosità. Magica... come te! <3

    RispondiElimina
  44. Bella intervista!!! devo dire che è la prima che leggo e... quante cose mi sono persa finora?? interessante e divertente, ora sono davvero curiosa!!! :)

    RispondiElimina
  45. interessantissima intervista! ho sperato per tantissimo tempo la traduzione e la pubblicazione di questo libro anche in Italia che ora non sto più nella pelle: devo leggerlo!

    RispondiElimina
  46. Che meraviglia ragazze! Voglio leggere questo libro da una vita e non posso non partecipare!!! ç_ç

    RispondiElimina
  47. Bellissima intervista e domande argute e simpatiche! Sono davvero curiosa di leggere questo libro <3 grazie per l'opportunità :)

    RispondiElimina
  48. eccomi, partecipo pure io, una bella intervista per nulla pesante :)
    sono Vivona Pierangela su Facebook
    iscritta al blog come pieronzola83
    email pieronzola83@gmail.com

    RispondiElimina
  49. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  50. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  51. l'intervista è davvero interessante ed il libro sembra essere davvero promettente; partecipo quindi molto volentieri, la mia email è elidibartolomeo@libero.it

    RispondiElimina
  52. bellissima intervista, l'ho scoperta per caso ma l'ho subito amata ahah ora aspetto i suoi prossimi libri ... anch'io con un gruppo di blogger abbiamo organizzato una lettura di gruppo su questo romanzo, con un piccolo e divertente giveaway finale.. se volete partecipare siete bene accetti, il post di iscrizione lo trovate nel mio blog.

    RispondiElimina

I vostri commenti sono l'anima del blog