martedì 14 giugno 2016

Recensione: Insomnia di Ludovica Cicala

Nuova recensione!
 
Titolo: Insomnia
Autore: Ludovica Cicala
Serie: Autoconclusivo
Editore: Centauria Libri
Trama: EVO: un nuovo stadio dell'evoluzione umana. Sono giovani, bellissimi, dotati di poteri straordinari. E uccidono. Melissa ha già avuto la famiglia distrutta da questi "mostri", possibile che ora debba toccare anche a lei? Purtroppo sì. Una mattina, quando ha diciotto anni, in un corridoio della scuola, il suo potere sopito si scatena e il sogno di una vita normale va in pezzi. Rinchiusa in una Krankenhaus, gli istituti in cui gli EVO vivono separati dal resto dell'umanità per essere controllati e studiati, Melissa scopre un mondo parallelo che, per quanto inquietante, ha almeno un vantaggio: è popolato di ragazzi come lei, ciascuno con la propria eccezionalità e le proprie paure. Un gruppo di amici quasi come tutti gli altri... Ma quando da Berlino viene trasferito lì Byron J. King, uno degli EVO più potenti - e più attraenti - del mondo, Melissa comincia a trovarsi davanti domande senza risposte e pericoli senza nome, compreso quello custodito nella sua stessa mente. Alla Krankenhaus le cose non sono come sembrano e chi è troppo curioso rischia la vita... o quel che ne resta. In una Londra parallela notturna e inattesa, questa storia di orrore e riscossa ci porta come su un ottovolante tra fughe, attrazione, inganni, odio e lealtà. Con il rosso del sangue e l'oro dell'amicizia Ludovica Cicala scrive, nell'intreccio delle avventure di Melissa e Byron e della loro banda, una grande storia, la più potente di tutte: quella sulla fatica, il desiderio e la necessità di essere diversi.
 
 
La mia recensione
Voto: 5 Stelle

Quando mi hanno proposto di leggere questo libro non ho saputo dire di no perché tutto della sinossi mi diceva che il libro sarebbe diventato uno dei miei preferiti di quest'anno e così è stato.

Amo i romanzi Sci-Fi perché credo che la fantastica ricostruzione scientifica della realtà tipica di questi testi sia impareggiabile ma difficilmente mi imbatto in libri capaci di emozionarmi al tal punto da dimenticare di fare qualcosa che non sia leggere il testo in questione ma il romanzo d'esordio della giovane Ludovica Cicala mi ha colpito subito dalle primissime pagine.

Insomnia è la storia di quelli che la società chiama EVO, un nuovo stadio dell'evoluzione umana. Tutti gli EVO allo risvegliarsi delle loro abilità vengono prelevati dalle loro case per essere inglobati in un sistema di “contenimento e controllo”, le Krankenhaus. La protagonista Melissa è una di loro, dopo i terribili eventi che hanno portato al risveglio delle sue abilità viene condotta nell'istituto di Londra. Come un pesce fuor d'acqua viene da subito inserita nella routine della vita della Krankenhaus: colazione, lezioni, esercitazioni, terapia; l'unico aspetto positivo sono quel gruppo di ragazzi che dal primo giorno l'hanno inserita nel loro gruppo, per loro lei è normale, quella normalità che ha sempre cercato, ma chi è il compito di definire qual è la vera normalità? E da questo presupposto che i Melissa accompagnata dai suoi amici che compirà un viaggio alla ricerca di se stessa ma soprattutto della verità.

Melissa è una di quelle protagoniste in cui è facile immedesimarsi: è una ragazza timida che per tutta la vita ha cercato di nascondersi, di non essere al centro dell'attenzione con il solo intento di riuscire a dimenticare i demoni che la perseguitano dalla propria infanzia. Timida ma anche estremamente intelligente, con una curiosità tale da domandarsi sempre il perché delle cose, certe volte anche al costa di sembrare indelicata e indiscreta. Gentile, dal cuore nobile, una ragazza capace di non fare male neanche ad una mosca ma che al tempo debito si rivela feroce come una belva per difendere le persone che ama.

Al suo fianco spiccano vari personaggi di rilievo che a loro modo riusciranno a incidere sulla storia e tra questi Byron è quello che rapisce il cuore del lettore perché stranamente il suo essere completamente diverso dal classico tipo di book boyfriend/principe azzurro riesce ad affascinare ed incantare, e così come la protagonista che non riesce a sopportare le sue risposte sarcastiche, la sua indifferenza, la sua indelicatezza è impossibili non innamorarsi di lui perché dietro gli occhi di ghiaccio che un vero cuore che batte.

Tra i personaggi secondari è impossibile non citare Evan, la spalla su cui piangere, l'amico su cui contare ad ogni occasione, il ragazzo con il sorriso contagioso e con un livello di felicità costante davvero preoccupante pronto sempre a risollevare il morale del suo fidato gruppo di amici.

Impossibile non citare Virginia, Cedric, Moth, Alana un gruppo eterogeneo ma solido e unito capace di lottare fianco a fianco nel momento di bisogno di difendersi l'uno con l'altro.

In quanto sci-fi Insomnia è caratterizzato da un forte lavoro sul worldbuilding della storia. La prima caratteristica che salta subito all'occhio è la complessa e articolata costruzione degli Evo, delle loro capacità, la loro evoluzione, la loro storia, le tecnologie e le strutture collegate ad essi, la chimica/fisica/psichiatria connessa ad essi tutte caratteristiche che rendono il libro della Cicala articolato e originale dando vita ad una storia che difficilmente trova concretizzazione sulla carta scritta perché di solito questa è una storia tipica cinematografica.

Ma in quanto sci-fi Insomnia non prevede solo la costruzione di una figura unica incastrata in un mondo ad hoc questo addirittura si caratterizza di determinate qualità tipiche delle branche più diffuse del genere, infatti, Insomnia si vanta di toccare varie sfumature da quelle distopiche, che tanto vanno di moda negli ultimi anni che sono sicura non farò mai a meno di amare, a quelle meramente futuristiche.

Il grande lavoro fatto dall'autrice nella realizzazione di un perfetto worldbuilding si rivelano nell'enormità di dettagli che vengono rilevati a poco a poco. Nulla viene lasciato al caso, e a determinati momenti le informazioni verranno rilevate portando sorpresa, sgomento e rivelazione davanti gli occhi del lettore, un lettore che di pagina in pagina è sempre più appassionato, intrigato, conquistato da una storia unica ed originale.

La narrazione della Cicala è fluida, semplice, tipica di quei romanzi che ben si adattano per un lettore YA in su ma che all'occorrenza si caratterizza di una profondità e complessità di tematiche in linea con la storia raccontata.

E perché Insomnia non è solo una storia sci-fi caratterizzata da avvenimenti avvincenti e al cardiopalma, e di una storia romantica slowburn capace di scogliere anche i cuori più freddi, possiamo intravedere tra le pagine numerosissime tematiche che il lettore non può notare e che principalmente si aggirano sull'accettazione di se stessi, quindi il vivere secondo natura, chiudere con il passato, e affacciarsi al futuro con speranza, l'amore, l'amicizia ma soprattutto la fiducia.

Insomnia è a tutti gli effetti un libro autoconclusivo, che ha il suo finale ma se vi dicessi che mi va bene così direi una bugia perché vorrei tanto che venisse scritto un seguito mettendo in atto la promessa che l'autrice ha fatto ai suoi lettori nell'epilogo.

5 Stelle per uno dei libri migliori dell'anno.


- A presto Susi



2 commenti:

  1. Davvero 5 stelline susi? interessante! ^_^

    RispondiElimina
  2. Se ciao!! Mannaggia a me e quando sono entrata su questo post. Lo sai che domani andrò a comprarlo per leggerlo, si??

    Se ti va passa a dare uno sguardo sul mio blog :)
    http://diariodiquellaragazza.blogspot.it/

    RispondiElimina

I vostri commenti sono l'anima del blog