venerdì 7 luglio 2017

Recensione: Wedding Girl di Raffaella V. Poggi

Nuova recensione!

Titolo: Wedding Girl
Autore: Raffaella V. Poggi
Serie: Taste of New York #2
Editore: Newton Compton
Trama: Eric Nolan è un uomo molto sicuro di sé, convinto di avere tutti in pugno: dalle ceneri delle attività di famiglia ha creato la NETline, la nuova realtà nel mondo dell’intrattenimento digitale. Ora si trova in un momento delicato e non può permettere a nessuno di intromettersi nei suoi affari. L’imprevisto, tuttavia, è dietro l’angolo: si chiama Charlotte McGraw, bionda e bellissima tentazione peccaminosa, pronta a mandare a monte il matrimonio di suo fratello Noah con Jade Kanakis, figlia di un ricco finanziatore della NETline. Ma quando Eric cerca di togliere di mezzo Charlotte, ecco che i guai entrano nella sua vita…
Tutto è lecito in amore e nel football, inizia la partita!
 

La mia recensione
 
Voto: 4,5 Stelle

Prometto qui, con voi come testimoni, che non leggerò mai più le sinossi dei libri di Raffaella V. Poggi perché sono forvianti ed ingannevoli e il mio cuore non riesce a sopportare i twist che poi la trama nasconde!

Wedding Girl è la storia di un uomo che si innamora perdutamente di una donna che, ad inizio del racconto, ha tutta l'intenzione di odiare perché potrebbe mandare a monte il matrimonio di suo fratello. Bello, carismatico, intelligente, sopra le righe, arrogante, tutte qualità che fanno di lui uno degli uomini d'affari più potenti di New York. La sua vita sembra perfetta, ha una fidanzata, una famiglia che lo ama, una società di successo ma quella che si rivela essere una notte di passione si tramuterà ben presto in un pensiero fisso di cui non riesce a liberarsene e che lo porta, giorno dopo giorno, a ritornare dalla donna che lo ha stregato.

Diversamente dagli altri romanzi dell'autrice questo romanzo è narrato completamente dal PoV unico del protagonista maschile. Amo i doppi PoV nei romance, ma credetemi se vi dico che amo i PoV dei protagonisti maschili nei romance quando l'autrice è capace di rivelarceli senza filtri come accade in Wedding Girl. Eric è un gran bastardo e la Poggi non lo nasconde ma anzi fa di questa la sua caratteristica vincente perché la lettrice non riesce a non innamorarsene perdutamente, perché dietro l'arroganza, dietro il carisma della persona riesce a rivelare un uomo che ha più di un segreto e rimorso nella vita ma che nonostante tutto è riuscito a sormontare, diventando – a giusta ragione – il businessman bastardo e cinico che ottiene sempre quello che vuole.

Ma la storia di Eric è legata indissolubilmente a quella di Charlotte. Bella, divina, un angelo che gli farà perdere la testa e cambiare la vita.
Un personaggio che nasconde ancora più misteri e segreti del nostro bel protagonista per rivelarsi pian piano al lettore.

Di solito nei romance le lettrici perdono la testa per il protagonista maschile perché lo dipingono come l'uomo dei loro sogni ma in questo romanzo posso assicurarvi di essermi sentita come mai prima d'ora in stretto contatto e sintonia con la protagonista. Le sue paure, i suoi segreti, i suoi rimorsi, i sentimenti e le emozioni che la guidano vengono compresi alla perfezione dal lettore anche senza aver mai letto un suo PoV. Mi sono immedesimata in lei, nella sua storia, ho sofferto quanto lei per i torti e le angherie subite ed, infine, ho gioito con lei quando l'happily ever after è arrivato a coronare il sogno dei protagonisti.

Ancora una volta i personaggi secondari presentati sono fenomenali! Mi sono divertita tantissimo con Shaggy, ho adorato Noah, compreson Jade e amato, un ad uno, tutta la famiglia di Charlotte e di Eric.
La parte più sorprendente, inoltre, è scoprire la presenza di alcuni personaggi secondari e/o marginali che collegano questo romanzo a Uptown Girl, personaggi di cui spero preso di leggere le loro storie.

Se la Poggi ci ha insegnato qualcosa nelle sue storie è che nascondo molto più di quanto si possa immaginare. La parte che più amo di tutti i suoi romanzi è scoprire pagina dopo pagina la soluzione del giallo che si cela nelle sue trame e sottotrame. In questo romanzo ogni scoperta e rivelazione è scandita con un tempo preciso e solo arrivati agli ultimi capitoli si riesce ad avere chiaro i tasselli che compongono il puzzle.
Ancora una volta l'autrice si rivela capace di regalare una storia d'amore, molto romantica, ma che riesce a intersecare con argomenti dei più disparati: si parla di telecomunicazioni, cavilli legali, wedding planner e chirurgia cardiaca! La Poggi è un'ottima intessitrice di trame e anche Wedding Girl si rivela curato in ogni minimo dettaglio per rendere tutto il più reale possibile.

Un libro molto romantico e ricco di sentimenti. Ci si ritrova a pensare che Eric sia un bastardo senta sentimenti per poi sciogliersi per lui perché nonostante sia uno bastardo patentato è attento, gentile, romantico e sa quando è il momento di smetterla con i giochi e fare sul serio.

Ma se pensate che il libro sia solo romantico vi sbagliate di brutto perché Raffaella V. Poggi è fedele alle sue storie e il libro presenta un livello di erotismo non indifferente che sapranno accontentare tutte le lettrici che non disdegnano un romanzo dai molti passaggi bollenti.

La storia si conclude con un bellissimo flash forward dal PoV della protagonista che riesce nel difficilissimo compito di chiudere una storia perfetta con il giusto tocco di umorismo e romanticismo.

Un romanzo che intrattiene ed incanta, per la storia ricca di particolari che vengono svelati solo al momento opportuno, per il romanticismo unico che solo una storia come questa che rivisita il concetto della donzella in pericolo sa trasmettere, per i sentimenti veri che ti si infilano sotto pelle, per le risate che Eric sa farti fare, un romanzo che non ti aspetti ma che riesce a regalarti un mare di emozioni.

4,5 Stelle solo e soltanto perché per i miei gusti c'è troppo sesso.



- A presto Susi


3 commenti:

  1. Ancora tra quelli da leggere ma devo aspettare un momento di calma e tranquillità per poterlo fare perché i libri di Raffaella meritano tutta l'attenzione possibile.

    RispondiElimina
  2. Adoro Eric e ringrazio Raffaella che me lo ha presentato,ti adoro!

    RispondiElimina

I vostri commenti sono l'anima del blog