martedì 18 febbraio 2014

Recensione: L'estate del coniglio nero di Kevin Brooks

Recensione in anteprima!

Titolo: L'estate del coniglio nero
Autore: Kevin Brooks
Serie: Autoconclusivo
Editore: Piemme
Trama: È un’estate torrida e Pete ha già passato diverse settimane senza fare altro che ciondolare per casa… fino a quando squilla il telefono e la sua vita cambia per sempre. È Nicole, gli chiede di vedersi. Presto si separeranno, ognuno per la propria strada, e pensa sarebbe carino incontrarsi per l’ultima volta con il gruppo dei vecchi amici, solo loro quattro: Pete, Nicole, Eric e Pauly. Pete le chiede di Raymond, anche lui è un vecchio amico, fa parte del gruppo. Raymond è un tipo strano, che sembra vivere in un mondo tutto, ma Pete gli è molto legato. Quando i cinque si ritrovano al luna park, però, succedono cose strane. Raymond scompare misteriosamente. E anche Stella Ross, una ragazza del loro liceo diventata famosa, sparisce. Tutti pensano che i due eventi siano collegati, ma Pete vuole dimostrare a tutti i costi che si sbagliano.


 La mia recensione

Voto:  4 Stelle

Se cercate un libro che vi lasci un segno indelebile L'estate del coniglio nero è il libro che fa per voi. Non è il solito YA smielato, zeppo di stereotipi, ma un romanzo ricco di temi scottanti, importanti che colpiscono il lettore, lo appassionano alla storia e ai personaggi.

Era da molto tempo che non mi appassionavo così ad un libro YA Fiction Mystery con protagonista maschile, all'inizio ero titubante ma pian piano che si prosegue nella letture si entra nel pieno della narrazione e la storia di Pete il protagonista diventa la tua e non puoi smettere di leggere.

Narrato in prima persona il libro racconta dei pensieri più profondi di Pete ed ho amato come lo scrittore abbia mantenuto vera la descrizione dei pensieri: liberi, senza nessun'ancora, una corrente sciolta di paure, emozioni, sensazioni, che il lettore può elaborare come meglio crede. 

Il libro parte lentamente, bisogna dare il tempo all'azioni di entrare nel pieno e al lettore di abituarsi allo stile unico dello scrittore che riporta la storia come una telecronaca delle azioni e pensieri del protagonista.
Come ogni buon romanzo Mystery tutta la storia ruota attorno ad un mistero che il protagonista e non solo cerca di risolvere. 
E come un Mystery ben riuscito non si è mai capaci di scoprire l'arcano prima del necessario, ma gli indizi, che mano a mano aumentano e si fanno più chiari, e la suspance, che sale di capitolo in capitolo alimentando il libro, la storia e riempiendo le tue aspettative di pura eccitazione, quella speciale emozione che ti porta a divorare le pagine e le parole fino ad arrivare all'attesissimo epilogo. 

I personaggi sono unici ed irripetibili, così come solo i personaggi reali sanno essere.

Pete è un ragazzino di appena 16 che percepisce per la prima volta che il mondo che lo circonda sta cambiando, che lui e le persone che conosceva sono diverse.

Con ogni YA anche questo è caratterizzato dal passaggio dei protagonisti dall'infanzia all'età adulta. Pete cresce col proseguire della lettura, con l'infittirsi del mistero; cambia idea, opinione sulle cose e persone che lo circondano e diventa maturo, sconfigge le sue paure con coraggio e quel pizzico di spericolatezza tipica dei ragazzi della sua età. È un ragazzo onesto, un amico fino in fondo, pronto a rischiate tutto per difendere le sue idee e opinioni. Coraggioso quando la maggior parte delle persone se ne sarebbe fregata e pronto a dare una seconda possibilità e ricominciare avendo sempre nel cuore le persone che lo hanno reso così com'è.

Personaggi secondari creati alla perfezione: il bullo di turno, il pagliaccio, il ragazzo gay, la ragazza per cui il protagonista ha una cotta, genitori presenti, ma non fraintendetemi tutto è ben organizzato senza dare l'opinione di una storia e personaggi già visti, ma al contrario tutti sono unici per la realtà che vivono.

Non dimentichiamo di menzionare la piccola cittadina inglese che ospita il racconto, che grazie alle meravigliose descrizioni dell'autore vive di vita propria. 

I temi trattati sono tanti, dal maltrattamento all'incuria, dalla luce dello spotlight all'oscurità dei boschi di un paese di pochi abitanti; l'uso di droghe e alcol e l'amore, perché come spesso accade, tutto lui decide e comanda e come disse Dante "amor che nulla amato amar perdona" e i nostri personaggi ben han provato sulla loro pelle la veridicità di queste parole.

L'elemento vincente del libro è sicuramente l'inserimento dell'elemento magico, o meglio la sua ombra. Tutto ciò da la capacità al libro di essere imprevedibile e incredibilmente suggestivo, senza dimenticare che il richiamo abbastanza chiaro con il famoso film Donnie Darko rende il libro molto affascinante. In più questo elemento rende molto dark il libro rendendo L'estate del coniglio nero uno YA adatto anche ai più grandi.

Essendo questo libro il primo che leggo in italiano dopo molti mesi devo fare i complimenti al team dei traduttori della Piemme in grado di aver riprodotto in Italiano un libro che nasce in un'altra lingua in modo perfetto.

4 Stelle

- A presto Susi

7 commenti:

  1. Oh, che bella recensione, Susi: quesot libro mi attirava e non mi attirava. Qualcosa, ma non so cosa, mi faceva da freno. Per fortuna, mi sono deciso e l'ho richiesto ieri: se mi arriva oggi, come spero, finisco l'ultimo di King e mi ci fiondo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un bellissimo libro e fa riflettere! Sono sicura che lo amerai!

      Elimina
    2. Arrivato a destinazione! :)

      Elimina
    3. Perfetto! Aspetto la tua recensione :)

      Elimina
  2. Mi è arrivato questa mattina *^* non vedo l'ora di iniziarlo, mi ispira troppo dunque mi fa piacere leggere un parere positivo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona lettura allora! Questo è un libro che ti rimane impresso!

      Elimina
  3. Se siete stati rapiti dalle pagine di Kevin Brooks, dal più recente "Bunker Diary" al celebre romanzo " L'Estate del Coniglio Nero", non potete mancare all' evento N° 21 del Festival Mare di Libri!
    SABATO 13 GIUGNO ALLE ORE 18:00 A RIMINI, si terrà un emozionante incontro con l'autore, intervistato da Simonetta Bitasi sulla sua ultima creatura.
    Per maggiori informazioni visitate la pagina ufficiale del Festival: Se siete stati rapiti dalle pagine di Kevin Brooks, dal più recente "Bunker Diary" al celebre romanzo " L'Estate del Coniglio Nero", non potete mancare all' evento N° 21 del Festival Mare di Libri!
    SABATO 13 GIUGNO ALLE ORE 18:00 A RIMINI, si terrà un emozionante incontro con l'autore, intervistato da Simonetta Bitasi sulla sua ultima creatura.
    Per maggiori informazioni visitate la pagina ufficiale del Festival: http://www.maredilibri.it/il-festival/programma-2015/

    RispondiElimina

I vostri commenti sono l'anima del blog